Dialetto

Matteo 2, 1-12 secondo Orazio Sala

Giù là, ‘n d’una cità de la Giüdea,
Betlemm la sa ciamava, l’è nassüü
‘l Gesù Bambin, e subit un’idea
la gh’é vegnüda a Erode, perché Lüü

che l’era ul re di chi sitt lilinscì
cumé ‘l sent dí di geent che ‘n altar re
a l’è nassüü in quela zona lì
al ciama i Sacerdoti par savê

indué che al gà de nass ‘istu Messia
e quand quilà ga disan: “A Betlemm,
perché l’è ‘n sü la Bibia”, al vöö tra via
ul cò dal gran nervuus, perché ga premm

de véss dumà lüü ‘l re, e ‘l fa ciamà
quii taj sapient ch’eran rivaa l’inscì
da l’Urient, e ‘l taca a fai parlà
de la cumeta, e ‘me fann a vess lì,

e ‘l vöö savè la rava e pö la fava,
‘l cata la scüsa che anca lüü ‘l vöö nà
a unurà ‘stu Fiöö, e ja pregava
de savècch dí préciis, in quale cà’

a l’era stu Bambin. E questi, alura
vann, e ‘mé vedan cumparí ‘na stèla
cunt u la cua, sübit ga vann ‘dree
perché ‘l sann ben che, indué sa ferma quèla

a l’è ‘l sitt giüst indué che gh’è ‘l Messia.
Pö la sa ferma lí sura ‘na cà’
e luur van li dent e vedan la Maria
cunt ul Bambin in brasc, e ga dann là

la mira, l’oor, l’incens, ciué i regaai
ch’evan purtaa, e pö vann giù ‘n ginöcc
stann li ad adurall, fina che mai
l’e ura de nà, e mò che cuj sò öcc

hann vist quell che savevan de védé
partissan par turnà ‘n del sò Urient;
ma prima vöran nà in l’Erode, ul re,
par dicch ul siit, ma càpita un event

che ja cunvinc a ‘nà a cà drizz filaa
senza fermass: intant ch’inn dree a durmí
a riva ‘n’angiarin, tütt strabafaa,
a dicch de cambià strada, e questi chì

partissan, a fann finta de nient,
fann ‘n’altar giir e turnan in Urient.

PERSONAGGI IN DIALETTO S…T…U…V…e ZETA

SIFULOTT DE MENTA

Vi ricordate quella caramella a forma di zufolo, venduta sui banchetti delle fiere paesane, che però non fischiava in quanto priva della pallina, ma dove i bambini non molto svegli si intestardivano a soffiare pur non ricavandone alcun suono. Il termine è quindi passato a definire delle persone un po’ tarde di comprendonio…
I nostri politici di oggi hanno coniato la legge sul whistle blowing. Che sta per: soffiare nel fischietto! Ossia, in parole povere, fare la spia, fare una soffiata, una delazione. E chi lo fa, è un whistleblower, termine molto più simpatico di “spione”.

TRUSCION

Gran faccendiere, procacciatore, sempre occupato in affari e in ansia nel compiere il proprio lavoro. Una bella fetta dei nostri politici….

URUCH

Urucc è il Barbagianni o Allocco. Questo rapace notturno si è guadagnato l’immeritata fama di essere stupido, a causa dell’espressione sciocca assunta dai suoi grandi occhi rotondi, fissi e vacui, specie se abbagliati da una luce diretta. La stessa espressione che assume chi rimane inerte e attonito di fronte a una situazione imprevista.

VISIGABUSECH

Seccatore, innoportuno, inquieto, noioso; vuol dire, in sostanza, uno che rompe un po’ con la sua insistenza, irrequietezza o invadenza.
L’etimologia forse connessa con alcuni insetti, ed il loro procurare fastidio.
Infastidisce come le zanzare: vola sempre intorno, fa chiasso, magari ti si appoggia al momento meno adatto

Z

Zin zéta furbiséta
tri quatrin a fala mulà
fala mulà in d’una manera
ul galet l’è in capunera.

PERSONAGGI IN DIALETTO O…P…Q…R…

OREGIATT

Nella vicina Confederazione gli aderenti al PPD sono scherzosamente chiamati uregiatt, oregiatt o oregioni, che in dialetto ticinese significa “orecchiuto”, “ipocrita” o “subdolo”, termine che tuttavia ha un’etimologia molto discussa e che probabilmente si riferisce alle lunghe basette portate dai membri del partito ad inizio secolo , o, come più semplicemente sottolineato dallo scrittore luinese Piero Chiara, il termine indicherebbe “gente che ascoltava passivamente e seguiva, più che la parola del Signore, quella dei suoi ministri”

PAMPALUGA

E’ anche una maschera del carnevale lodigiano. Il suo significato e le sue caratteristiche sono ben descritte in questa filastrocca in dialetto di Lodi

Pampaluga ludesan
larg de buca e stret de man
religus risparmiadur
quand el bev l’è de buon umur
citadin cun el sal en co’
trope tase el paga no
per la patria e per el re
Pampaluga chi ch’el ghè!

Persona sciocca, vuota, di scarsa levatura, bietolone, gaglioffo. Propriamente chi con uno spillo infilza gli acini dell’uva per mangiarli.

QUAJOT

Letteralmente significa giovane quaglia. Tontolone, persona dai riflessi lenti o tarda a capire, specialmente in senso scherzoso: colui che cade sempre in trappola.

RACOLA

Raganella, parlantina, riferita in particolare a persona che parla in continuazione. Voce imitativa, esprime in origine il gracidare.
E’ anche uno strumento di legno formato da una rotella dentata e un’assicella con lamina a contatto con la ruota: facendo girare lo strumento come un’elica si produce un rumore simile a quello di una raganella.
Si usava nelle sagre, nelle chiese il venerdì santo in luogo del campanello e delle campane che tacciono in segno di lutto.

PORTASASS

PORTASASS
(l’è ona montagna de confin)

Montagna scura, senza ciar de luna,
fagh minga a ment ai poer contrabandee
che per corr a cercà ‘n poo de fortuna
schìscen i erbett e i sass di tò sentee.

Digh: « Citto! » ai besti, ai usellitt, ai piant;
làssigh domà al torrent la soa grand vos,
per scond via sti nost pass inscì pesant.
Lassa minga crodà castegn e nos!

Quand la frontiera la sarà passada,
e tucc insemm avremm tiraa sù ol fiaa,
scorlìsset anca ti, fà ona cantada

insemm’ ai piant, ai usellitt, ai praa;
e a nun, che per sta nott gh’emm vuu fortuna,
montagna bella, cont ol ciar de luna!

di Gisella Azzi (1959)

PERSONAGGI IN DIALETTO I…L…M…N…

INSACANEBIA

Insaccatori di nebbia. Appellativo dialettale degli abitanti di Loppia, frazione di Bellagio dove, evidentemete, la nebbia è di casa. Condiviso anche con gli abitanti del comune di Nibbiola, in provincia di Novara.

LAPAZUCCH

È un vocabolo che i dizionari sbrigano laconicamente con la definizione “scemo”, senza dire nient’altro. Il nomignolo è stato usato sia dall’Ungarelli che dal Testoni, italianizzato in “slapazucchi” e sarebbe uno dei tanti soprannomi dati agli Austriaci dai bolognesi, come scriveva Fulvio Cantoni nel 1923 prendendo spunto dall’opera “I moti del 1820 e del 1821 nelle carte bolognesi”. Slapazócch è diffuso in tutta l’Italia Settentrionale ed è comunemente impiegato come sinonimo di “individuo rozzo e balordo”. Si pensa che il significato non abbia nulla a che fare con le “zucche” ma con i “ciocchi” (nei nostri dialetti sciuch) e perciò “spacca-ciocchi”!

MARGNACCH

Non conosco abitanti di Margno, in Valsassina, ma il significato del nome è buzzurri…Le prime attestazioni di questa parola si hanno nella Firenze dell’Ottocento: qui i buzzurri erano coloro che, d’inverno, giungevano dal Canton Ticino e dal Nord Italia a vendere castagne lesse o bruciate, polenta, mele cotte. Gente povera ma tosta, che veniva da molto lontano a commerciare povera merce, e che quindi non solo non aveva un’alta cultura, ma era anche fuori dalla cultura popolare del luogo in cui, per forza, si ritrovava a vivere durante la stagione fredda.

NAVASCIONA

Si dice di donna sporca, trasandata: deriva da navascia, un contenitore quadrangolare usato nelle campagne per svuotare i pozzi neri e concimare i campi.

Vœuja de Natal

Col cœur an'mò ingarbiaa in de la cassina
el se bestira i òss l'ultim paisan,
e la candela pizza in la bosia
la mett in ciar i barlafus d'un temp:
la bròcca in del tripee portacadin,
l'acquasantin e la Maria Bambina
fassada in de la cuna d'un veder a campana.
E l'œucc el curr sui trav e sul camin
con dent an'mò freguj de scendra antiga.
La vœuja de Natal l'è lì con lù
sul materass de fœuja de melgon.
La vœuja d'un Natal come una vòlta,
con tanti vos che riven de lontan,
come in d'un sògn...
Vos de tusann che canten sul sentee...
là in fond... tra i fontanitt... visin al Lamber...
"Tu scendi dalle stelle..."
Sù dunca! Riva gent!
Gh'è chi el Natal, Natal come 'na vòlta...
Mett ul pariœu sul fœugh...
canela, acqua e saa, farina gialda...
e...alé...òli de gumbat.
Se sgrana trii rosari
e se la cuntom sù dent in la stalla.
Gh'è chì l'Armida, quella di ricamm,
el Gino cavallant cunt el clarin...
i fiœu ch'hinn mai cressuu, el bergamin.
Tra el pòrtich e la stala... quanta gent...
ghe vœur an'mò un quej scagn, una bancheta
e un para de fiaschitt... per la polenta.
Se smorza la candela sul ciffon,
el gatt al s'è fognaa in d'un quej canton
e intant l'ultim paisan
el nega in d'un bell sògn...
e par ch'el rida.

Marco Candiani

Discussiun par la cassœula

Ul Luisin l’è scià de not
cun’na sgorba de verz cott,
riva a taj de l’Angiulin,
che’l ga dis – Che bel casin –

– Ula verza inscì scùtada
l’ha ma par una vacada,
che la verza “è sempar bona”
ma la pert ul so’ aroma,
e pœ… van giò pel’lavandin
sali, gust e protein.-

Salta dent ul Rescaldin,
la sentù un pu de casin,
el ga dis: – Anca mi a fù insci,
ala sera o al mesdì. –

Ma la roba puse bela,
l’è che metum in padela
un zichin de alegria…
e ‘na bela compagnia.

di Angelo Moretti

In ogni caso, come recita un vecchio detto lombardo, quando è pronta, “la casoeula l’ha da vess ben tacchenta e minga sbrodolada e sbrodolenta”. 

PERSONAGGI IN DIALETTO D…E…F…G…

DEMI – DEMI

Si dice a Milano di chi va in giro a parlar male del prossimo, a criticare le opinioni altrui, a far previsioni catastrofiche sulle iniziative di Tizio e Caio; e tutto questo con lo sfacciato e palese desiderio di esasperare le persone vittime della sua maldicenze. Le quali, alla fine, gli chiuderanno la bocca a sberle. Questo detto si usa anche verso qualcuno che rischia sempre e, per il calcolo delle probabilità, non potrà sempre andargli bene: arriverà poi la volta che dovrà pagare il conto e quindi sarà colui che «…EL CANTAVA EL DEMI-DEMI» “datemele – datemele”.

EL TENGA

Vi sarà certo capitato, a qualche fiera di paese, di vedere questo personaggio intento ad offrire, alla gente accorsa per la sagra, le immaginette del Santo Patrono festeggiato, dicendo: «Tenga!… tenga!…». E fa affari, perché chi va a simili manifestazioni ha già in animo di spendere un po’ di soldi per le candeline del Santo, per la pesca di beneficenza, per la colletta pro restauro della cappella, e non rifiuterà certo uno o due euro per il Santino offertogli dal TENGA. Dunque «EL TENGA» è il nuovo nome di un mestiere non nuovo.

FOLCETTEE

«L’HA FAA I FOLCITT», ha fatto i trucchi. Così si dice in tutta la Lombardia, quando qualcuno giocando a carte bara, sostituendo una carta con l’altra. È proprio il fatto di sostituire le carte che è colto da questa espressione. Infatti “folcitt” viene dalla parola latina “fulcimenta”, che erano i pezzi di ricambio delle celebri armature fabbricate in Milano e nel Bresciano fin dal tempo di Roma. Con questo sotterfugio dei pezzi di ricambio una corazza era sempre efficiente, come oggi accade per le automobili. E anche allora c’era il mercato dell’usato, con corazze di seconda mano, piene di buchi rattoppati.

GANIVÈLL

L’espressione viene al milanese dai longobardi, i quali per dire mariuolo dicevano “gannev”. Nel milanese di oggi è il giovanottello un po’ sbruffone, tipo periferia, che fa il galletto con le donne, ha l’auto sportiva, fa il BAUSCIA con i più deboli.

UN AMUR D’AGOST

Quièta, limpida, da l’orizzont vegniva
l’onda del mar … che col su la sberlusiva,
fasend un mesedòzz de color per ul pittur …
pront a fà on quader a dùu bagai in amur.
Lù studius … a l’Università de Pavia,
lee … già dottoressa in dermatologia,
eran lì a gremmàss … a i “Bagni Miramare”
e fà progett per la sira … dove andare.
Finalment, dopo tanto cicciarà al vent …
se ved lù on poo baltràmm, quasi sorrident,
scriv giò el numer del sò telefonino
e dàss puntèll … per disnà da ’l “Serafino.”
Che serada gent! Puranca ul firmament
coi sò lustritt … la luna… l’era content,
fasendo ciar in riva al mar … fin a matina …
a la levada del su con l’aria fina.
Grazie, grazie firmament, mar e vent d’agost,
on amor l’è pront, come l’uga, a vegnì most,
el pittor l’è adree a rifinì el quader
de dùu bagai, pront a vèss … pader e mader!