EL REGAL DE NATAL di nonna Giuse

Signor te’l seet l’è la vigilia de Natal
e mi te preghi perché voeuri on gran regall:
l’è el regall pussee prezios de l’òr
e chi l’ha ricevuu, el gh’ha on tesòr.

Signor te’l seet, son pù quella tosetta
contentada cont on mandarin e ‘na spagnoletta;
adess son mamma, i pretes s’hinn ingrandii
te preghi allora scoltom anca mì.

Signor te’l seet, quanta acqua gh’e passaa
(la faccia l’è increspada, me manca anca on poo el fiaa)
ma el coeur bislacch el se fa sentì ancamò
e a vess mettuu de part el ghe sta-nò.

Signor te’l seet, te me l’hee daa tì ‘ stò coeur
ch’el trema, el sògna, e spess ‘l se immagòna
che ogni tant el par fina ch’el cipìss
e de sentiss amà nò ‘l se stufìss.

Signor te’l seet quel che voeuri ditt:
i mè fioeu hinn “scars ” a dà i basitt;
tocca tì allora a digh che per Natal
el voeuri on bel basìn come regall !

… perché l’è el regall pussee prezios de l’òr
e se ‘l ricevaroo gh’avaroo on tesòr!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.