COTTURA A …SOLE!!!

Abbronzano e cuociono pure a puntino.
I raggi del sole sono una fonte d’ energia pronta per l’ uso non solo per il corpo ma anche per il palato e non mi rifersco alle temperature che raggiungono in estate i cofani delle auto; piuttosto ai forni solari che permettono di preparare piatti golosi sfruttando, come suggerisce il nome stesso, il calore del sole.
I sistemi per cucinare in questo modo sono sostanzialmente due: il primo fa capo a uno specchio parabolico che, concentrando la luce nel punto dove è posta la pentola, riesce a toccare i 200 gradi (roba che nelle migliori condizioni si può cuocere del riso per otto persone in una mezzoretta); il secondo, invece, sfrutta il calore che si genera in una scatola – costruita con diversi materiali come cartone e alluminio – quando resta esposta alla luce del Sole.
Una delle più famose in questo senso è il Kyoto box, invenzione con la quale Jon Bohmer vinse nel 2009 il primo premio del Financial Times Climate Change Challenge.
In ambo i casi, la natura presenta il suo conto: se la cottura con la parabolica vi chiede di spostare ogni venti minuti la vostra pentola, per quella in scatola ci può volere anche un’intera giornata perché i cibi siano pronti, ma che importa? Si ha il tempo per fare altro senza la paura che qualcosa bruci, no?!
LAURA MELLA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *