ADDIO SHUTTLE

Con il lancio la navetta Atlantis, previsto per l’8 luglio 2011, daremo l’addio definitivo al programma di voli Shuttle della Nasa.
Dopo 30 anni si chiude così il lancio di quella che qualcuno ha definito la macchina più complessa mai costruita. La Stazione Spaziale Internazionale non sarebbe stata costruita senza gli shuttle, capaci di trasportare carichi e laboratori nella sua stiva, e fino a 7 uomini nel suo abitacolo.
Ci sono state, però, anche altre missioni importanti, come quelle che hanno portato in orbita il telescopio spaziale Hubble e hanno permesso la sua manutenzione. Il primo shuttle, l’Enterprise, era uscito dagli stabilimenti il 17 settembre 1976 e non era destinato a volare nello spazio ma solo ai test per simulare il rientro. La prima navetta a volare, il 12 aprile 1981, è stata il Columbia: una vera rivoluzione e da Guinness dei primati in quanto era la prima navetta riutilizzabile, la prima ad essere lanciata con uomini a bordo nel volo inaugurale e la prima ad essere alimentata da un serbatoio esterno.
I lanci previsti iniziamente dovevano avvenire in maniera molto frequente (ogni settimana) con un costo “abbordabile”: circa 100 milioni di dollari a lancio. Ma il 28 gennaio 1986 qualcosa andò storto, il Challenger esplose in fase di lancio. E così i voli vennero diradati per garantire la sicurezza con un aumento dei costi saliti fino a 500 milioni di dollari a lancio. L’altro terribile avvenimento accadde nel 2003, quando il Columbia si disintegrò al suo rientro.
Il programma ripartì solo dopo due anni di fermo dei lanci, in tempo per terminare la realizzazione della Stazione Spaziale Internazionale. Alla fine i voli sono stati solo 135 in 30 anni, un bilancio positivo, per una macchina che ha portato nello spazio 355 uomini, 179 satelliti e 52 carichi utili per un totale di oltre 1.700 tonnellate. Adesso che sta per andare in pensione, molti guardano allo shuttle solo come a una vecchia macchina troppo complessa, ma per molti altri e’ stata un’avventura straordinaria che forse ha avuto solo il difetto di guardare troppo in avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *