Mese: aprile 2008

SE LO DICE LUI…

Riccardo Muti: «Salviamo le bande»

«Tremila complessi sono in crisi e senza soldi.  Questo è un vero delitto culturale» 

È la banda il Panda della musica, l’«animale culturale» a rischio estinzione. Le storiche bande di paese, abbandonate dallo Stato, sono allo sbando e potrebbero chiudere. «Chiamiamo le cose come sono: è un delitto culturale», tuona Riccardo Muti. Il 14 giugno, per la prima volta nella sua carriera, al Ravenna Festival dirigerà una banda. Può sembrare una provocazione culturale, in realtà è un modo per richiamare l’attenzione su una realtà liquidata frettolosamente come un genere fuori moda. «Il mio vuole essere un omaggio alla crisi di tutte le bande d’Italia». Con lui risuoneranno gli squilli della banda di Delianuova, 80 ragazzi che suonano nella terra della ‘ndrangheta, in provincia di Reggio Calabria; è il piccolo miracolo dell’Aspromonte, dove la musica non arriva. «Le bande rappresentano, per tante città del nostro paese, l’unica occasione di ascoltar musica, spesso gratuitamente». Muti aprirà e chiuderà il concerto, con le Sinfonie di Nabucco e Norma, «per sottolineare a chi di dovere l’importanza assoluta delle bande musicali». Per l’Unità, che alla crisi delle bande ha dedicato un’inchiesta, «chi di dovere » sono le Regioni che hanno il compito di reperire fondi con programmi triennali di intervento.

Ma le 3 mila bande italiane dipendono dalla sensibilità dell’assessore di turno. Servono soldi per l’acquisto degli strumenti, gli spostamenti, i locali per le prove, i corsi di formazione. «Non devono essere istituti assistenziali, chi è responsabile non può alzare le spalle con un vago sorriso ma ha l’obbligo di mantenere in vita queste compagini, dobbiamo dare uno stipendio a chi porta diletto e cultura in posti dove raggiungere un teatro è impossibile». Muti ha già ascoltato i ragazzi dell’Aspromonte quando andò con la sua Orchestra Cherubini a Reggio Calabria: «È un gruppo meraviglioso di strumenti a fiato con una disciplina artistica e umana straordinaria; hanno un portamento che sembrano usciti dai collegi più prestigiosi di Oxford; hanno passione e amore». Si ferma: «Hanno dignità». Il maestro ha passato la Pasqua a Molfetta, la sua città, dove ha seguito «le processioni del Sud, quelle dei Misteri, una tradizione centenaria sempre seguita dalle bande. Ho conosciuto fior di strumentisti, che venivano dalle bande ». Muti vuole sciogliere il nodo del disinteresse, il luogo comune delle marcette militari e delle fanfare: «Banda non è sinonimo di qualità inferiore, né di strumenti popolari e di bocca buona con cui ci si può arrangiare. Al contrario, sono strumenti nobili, pensate a Verdi quanto deve alle bande che ascoltava da ragazzo, e che lui usa per annunciare l’arrivo del re Duncano nel Macbeth». E in epoca moderna Stravinskij e Hindemith. «E prima ancora Bellini, Berlioz, Spontini che nel second’atto dell’Agnese di Hohenstaufen usa una banda enorme che fa la funzione dell’organo ed è uno dei momenti sublimi di quell’opera».

Ha passato tante serate a sentire le bande, a Lanciano, a Francavilla, a Besana Brianza dove l’hanno fatto cittadino onorario: «Usano strumenti che non ci sono nelle orchestre, le oficleidi, i flicorni, i bombardini, la famiglia dei sassofoni, l’eufonio che sembra un bel nome antico ed è un corno tenore». Il grande impulso nel repertorio bandistico avvenne durante la Rivoluzione francese, si trattava di riempire la vita associata con nuovi rituali, odi e inni, non solo quelli chiesastici. «All’estero i paesi civili hanno bande meravigliose. I nostri ragazzi delle bande hanno studiato nei conservatori, non dal padre che ha il negozio da barbiere».

La missione possibile di Muti a Ravenna: ridare nobiltà al repertorio bandistico.

Valerio Cappelli (Corriere della Sera)

GIORNATA DEL TRICOLORE

Le trincee della Maiocca nella strategia del generale Cadorna

Il generale Luigi Cadorna temendo che Austriaci e Tedeschi potessero invadere la Svizzera per poi calare nella Pianura Padana, fece costruire una linea difensiva lungo il confine svizzero, che sarà poi chiamata Occupazione Avanzata Frontiera Nord.

Le truppe sul territorio erano tante: la brigata di fanteria TORTONA a Como, la milizia territoriale sui monti lariani, i bersaglieri ciclisti a Olgiate Comasco, gli artiglieri in Val d’Intelvi, gli alpini sciatori in Alto Lario.
Presidiarono il confine fino al 24 ottobre 1917, quando gli Austriaci e i Tedeschi ruppero il fronte italiano davanti a Tolmino e Tolmezzo. La disfatta di Caporetto chiamo’ anche questi uomini a resistere sul Piave.
Da allora le Trincee O.A.F.N. furono abbandonate.

Dobbiamo proprio arrivare a tanto…

Forse traverso una catastrofe inaudita prodotta dagli ordigni ritorneremo alla salute e al buon governo. Quando i gas velenosi della monnezza non basteranno più, un uomo fatto come tutti gli altri, nel segreto di una stanza di questo mondo, inventerà un esplosivo incomparabile, in confronto al quale gli esplosivi attalmente esistenti saranno considerati quali innocui giocattoli. Ed un altro uomo fatto anche lui come tutti gli altri, ma degli altri un po’ più mentalmente sano, ruberà tale esplosivo e s’arrampicherà al centro della nostra Patria per porlo nel punto ove il suo effetto potrà essere il massimo. Ci sarà un’esplosione enorme che nessuno udrà e l’Italia, ritornata alla forma di nebulosa, errerà nei cieli priva di parassiti, approffittatori, faccendieri vari e di malattie.

Libero adattamento da “La coscienza di Zeno” di Italo Svevo

A ricordo di un grande attore e regista monteolimpinese

MEMORIA DA PAEES

In ‘sti cent’ann, o Mundrumpin, t’ee quasi
perduu la memoria da paees
cun lee a t’ee perduu ‘nca dàsi dàsi
i tò bei viit, i tò murùn, i scees:

la tera che cantava cun la geent
che nava in prucesiun in di tò gees,
viva e lusenta cumè un gran serpeent,
a ligà streec insema tanti imprees.

Cun lee a gh’è sparii la tua rusada,
l’arieta celestina, ul suu curtees,
la lunga primavera infiuchetada
da zuff de rebugnaach e da scirees.

Gh’è sparii i giooch di fioo adree i paiee,
ul bacan dal furmeent trebiaa in da l’era,
ul cantà di scigaad e di pulee,
i fiamàscur dal scèp traa in giir par tera.

Quel pudè, par i grand, cuntàla su,
la festa, in usteria o sul segraa;
quel cuur infularmaa dal dillaù,
par turnà a cà cuntent da vess stracaa.

Quela parola dida quand che tòca,
quela careza mai rivada in fuund,
e quel basin cunt tutt ul coor in boca,
butaa là svelt, ma che ‘l vareva un muund…

Ul ben mja faa dumà cun l’andà in gesa,
ma in dal pruveed par quj che gh’à bisogn;
quel cercà sempar da truvà un’intesa:
tutt ropp svanii, cumè fudessan sogn!

A Cardina anca ‘l laghett mò l’è sugaa…
La Cà de l’Amicizia l’è sarada:
inn pooch a regurdass che i Scapigliaa
pai lumbaard ànn faa lì da batistrada!

Se da su là mi guardi adess la fera
di straad tutt impregnaa da garavan,
cui cà ch’inn tutt faa su ‘na quei manera,
cui geent che sann pu nanca quel che fann,

rimpiangi i teemp e tutt i ropp ch’è moort
senza capì che a guardà indree gh’u toort.

BERNARDO MALACRIDA