Mese: novembre 2009

CARTA A MANO NELLE ANDE

Associazione Progetto Chimbote – Onlus

Dopo tanto lavoro preparatorio, la cartiera di Chimbote è pronta per la produzione. Il Natale che si avvicina offre un’ottima opportunità: inizieremo producendo biglietti d’auguri. I biglietti costituiscono un primo esperimento, forse non sono perfetti come quelli che trovereste in cartoleria, ma hanno il fascino della spontaneità.

Come averli? Basta un contributo al nostro progetto, come spiegato nel modulo allegato. Perché non provare? E se vi piacciono, perché non dirlo ai vostri amici?
Al Natale manca sempre meno di quanto si pensi, ed allora conviene provvedere per tempo agli auguri. Per questo vi presentiamo un assortimento di biglietti, realizzati su carta a mano nella Papelera Don Bosco e le decorazioni sono fatte da ragazzi e volontari della Parrocchia di S.M.Auxiliadora sorvegliati dalle insegnanti di catechismo.

Volete riceverli? Questi biglietti sono “gadget” legati ad una campagna di raccolta fondi. Per ottenerli basta inviare per posta o mail, ai nostri indirizzi, il modulo d’ordine e fare una donazione come indicato nel modulo stesso.
Come segno di riconoscimento per il vostro contributo, vi invieremo i primi biglietti prodotti dalla “Papelera Don Bosco” di Chimbote tenendo conto il più possibile delle vostre scelte, che potete indicare compilando la tabella allegata.
Ci permettiamo di indicare un contributo di 2,50 Euro per biglietto e, se volete, una donazione aggiuntiva.

Angelo Moncini è partito a fine Ottobre per il Perù e, tenendosi costantemente in contatto con l’Italia, sovraintenderà a tutte le lavorazioni coordinando il lavoro in modo che le vostre richieste siano puntualmente eseguite.
I biglietti giungeranno poi in Italia entro la fine di novembre e vi contatteremo per la consegna o spedizione.

 

SCARICA MODULO ORDINE

L’E’ UL DI’ DI MORT: PIANGEMM ?

Biroeul e sant-carlitt…
L’è anmò bonora e semm già chì, nun viv,
pront per nà al Cimiteri: i mocolot,
i vas, i fior, i zoffranèj…Stanott,

mort vecc e mort pinitt
-quij ch’eran bon e quij ch’eran cativ-
se dessèdan e disen: -Quanti fior!
Hin tucc per nun…vardee, che bèj color!…

E Coronn, e ciaritt!
Che belèe, quij roeus lì! E i semper-viv?
Pàren fint, tant ch’hin bej! Che brava gent,
sti omen e sti donn, sti nost parent!:

vecc, giovin e fiolitt
-quij bon, quij gramm e qui minga cativ-
hin vegnuu scià, denanz ai nost ritratt,
ai crus, ai tomb… Sgobbàven comè i matt,

giràven, mai quiett,
intorna ai monument: strasc e scovin,
per netà sta cà nostra…Oh, car Signor!
Chì gh’è vegnuu nissun: gh’è nanca un fior!

Chi podarìssom mett
una roeusa (là in tropp); e anca on ciarin
dèvom pizzà (là ghe n’è trii): content?…
E mò pòdom fà festa, gh’è anca ol vent,

sentii se ‘l boffa!!… E intant’
el scorliss tucc i foeuj e tucc i fior:
el ghe insegna a dì sù on’orazion
propi per nun…Scoltee!! Ol Crusunon,

drizz, in mezz a stì piant,
in del primm Camp, el vosa:”Per amor,
fee citto, ch’el ven ciar, tornee a dormì
(Mont Olimpin l’è ‘rosa’)…ormai l’è dì”-…

Gisella Azzi (1912 -2002)

NEW ORLEANS FUNCTION – Louis Amstrong