Notizie

SENZA COMMENTO!

Dal VERBALE N.16 del CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE del 19 Gennaio 2017

2. Ristrutturazione della Casa Parrocchiale

Prima la parte ludica dell’oratorio, poi il campanile, infine le aule. Con il Consiglio per gli Affari Economici si è decisa una nuova ristrutturazione, quella della Casa Parrocchiale.
Costruita nel 1929, ad essa viene aggiunta qualche anno dopo la Sala Riunioni (che diventerà poi il primo oratorio). La casa così costruita è di 200 mq. Non viene fatto nessuno intervento fino al 1990, poi si effettua un consolidamento dei soffitti (attraverso l’utilizzo di travi di ferro) e vengono rifatti i bagni. Al piano superiore il pavimento è stato ricoperto da moquette. Don Tullio abita in questa casa dal 1995, e si è sempre trovato bene (gli unici interventi sono stati un’imbiancatura e il cambio della caldaia. Tuttavia, la casa necessita di una ristrutturazione generale (i serramenti sono vecchi, due stanze – tra cui la ex sala riunione – sono usati da magazzino, un bagno è totalmente inutilizzato)
L’intervento non comporta nessuna grande modifica, ed è di seguito brevemente descritto:
– Piano interrato: attualmente vi è la cantina, che resta tale e quale;
– Piano terra: ingresso con studio e archivio. Cambia l’accesso al piano superiore, rendendolo più agevole; viene ingrandito il bagno di servizio (e verrà adibito all’utilizzo per disabili), l’attuale sala di don Tullio viene adibita a sala riunione e l’attuale cucina diventa un’altra saletta/stanza per gli ospiti. In tal modo, il piano terra diventa ad uso pubblico, per ricevere le persone. La sala riunioni (ex oratorio) viene divisa, in modo tale da staccare il “corpo estraneo” costruito successivamente; essa diverrà un garage/magazzino.
– Secondo piano: viene costruita la nuova cucina e la sala; rimane l’attuale stanza da letto con bagno e la stanza degli ospiti, con bagno cieco (il progetto prevede di riportare la porta finestra al bagno, che precedentemente era presente) Verranno rifatti gli intonaci e le solette (sostanzialmente rimarrà solo lo scheletro della casa). Viene installato un cappotto esterno di cm 10 e il riscaldamento viene posizionato a pavimento, con conseguente controsoffitto, vista l’altezza dei locali (più di tre metri) Viene costruito un vespaio, viene fatto il risanamento di tutti i muri e vengono posizionati nuovi serramenti. Viene rifatto il tetto, dove vengono installati i pannelli solari e fotovoltaici. Viene fatto l’allacciamento alla fogna (attualmente c’è la biologica). Vengono conservati i graffiti intorno alle finestre (una ditta specializzata si occuperà del calco, visto che essi verranno coperti dal cappotto)
Il costo di aggira intorno a € 350.000, così ripartito:
– attualmente nelle casse della parrocchia sono presenti € 200.000
– un benefattore mette a disposizione una somma pari a € 100.000
– in un anno le entrate sono circa di € 30/40.000
Si potrebbe partire già a settembre/ottobre e l’intervento durerà almeno un anno.

ARISTOTLE, l’assistente virtuale per bambini.

Dite addio alla baby sitter.
Ora per tenere d’occhio i più piccoli, Mattel (sì, proprio quella della Barbie) è pronta a portare nelle nostre case il suo assistente virtuale. Si chiama Aristotle ed è in grado di ascoltare i bambini e dialogare con loro, cantare ninna nanne e anche ordinare prodotti online.
Ma non solo. Proprio come il filosofo da cui prende il nome, sarà votato all’insegnamento. Potrà dunque leggere storie, insegnare ai più piccoli una seconda lingua e aiutarli con i compiti. Il suo scopo è educativo, oltre che ludico: promette di crescere insieme ai piccoli nelle sue capacità (sfruttando ben tre diversi motori di intelligenza artificiale) e anche di fornire un accesso controllato ai social network.
I genitori verranno avvisati quando qualcosa non va (se il bambino piange o è in difficoltà) e, se lo vorranno, potranno decidere di far rispondere Aristotle solo a domande che contengano un bel “per favore”. Insomma, una tata a tutti gli effetti.
Certo, non sarà in grado di cucinare dei deliziosi biscotti ma, grazie alla videocamera di cui è dotato potrà, ad esempio, tenere conto della situazione dei pannolini. Una volta finiti, partiranno gli ordini, grazie al collegamento con Amazon Alexa. La fotocamera HD poi, ha un’altra importante funzione: consentirà ai genitori di seguire in streaming le scorribande dei propri figli, alla faccia della privacy!
Presentato allo scorso Consumer Electronic Show di Las Vegas, Aristotle è dunque tutt’altro che un giocattolo. Per la creazione di questo dispositivo, Mattel ha collaborato con una serie di giganti tecnologici, tra cui Qualcomm (per l’hardware e lo sviluppo del riconoscimento vocale) e Microsoft (voce e software base sono quelli di Cortana, la ricerca è quella di Bing).

DIMITRI

Era un grande.
E grande, leggero, poetico e geniale è stato il suo passaggio sulla terra.
Se n’è andato a 80 anni il clown, mimo e maestro svizzero Dimitri Jacob Müller, solo Dimitri nella vita artistica. Domenica sera era in scena, sul palco del Monte Verità, nel Canton Ticino, a esibirsi nello spettacolo “Sogni di un’altra vita”, due giorni dopo si è messo a letto, pronto ad andarsene. Da qualche settimana non si sentiva bene ma non voleva saperne di medici: sapeva che era arrivato il suo momento. E la notte se l’è portato via.
«Sono convinto che continueremo ad esistere sotto forma di spirito» aveva detto recentemente. «Mi immagino che le persone che sulla terra avevano una relazione, si incontreranno anche dopo la morte. Bisogna pensare che non saremo più uomini e donne, ma solo anime. E non potremo più mangiare bistecche: bisogna esserne consapevoli prima che giunga il momento».
Nato ad Ascona nel 1935, a sette anni decise di voler diventare un clown. Intraprese la carriera artistica, seguendo lezioni di recitazione, musica, balletto e acrobazia. A Parigi frequentò la scuola per mimi di Etienne Decroux e divenne membro della compagnia di Marcel Marceau. Sempre a Parigi indossò i panni di Augusto al Circo Medrano dove lavorò con il clown bianco Maïss. Nel 1959 si esibì per la prima volta da solista, ad Ascona. Seguirono tournée in tutto il mondo e anche tre tournée con il Circo Knie. Nel 1971, con l’aiuto di sua moglie Gunda, fondò il Teatro Dimitri con sede a Verscio, nel 1975 la Scuola Teatro Dimitri e nel 1978 la Compagnia Teatro Dimitri per la quale ha creato e messo in scena pezzi sempre nuovi. Nel 2000 viene aggiunto il Museo Comico, allestito da Harald Szeemann.
Un paesino, Verscio, fatto di grigia pietra, nel Canton Ticino, che ha cambiato faccia dopo l’arrivo di Dimitri con il suo teatro e la sua Accademia, scuola universitaria di teatro frequentata da ragazzi che arrivano da mezzo mondo e che hanno “colonizzato” il piccolo centro regalandogli una nuova vita.
Addio Dimitri, artista e maestro, puro nel rappresentare la natura originaria dell’uomo, aperta allo stupore, alla poesia.

Dipinto di Beatus Kirchhofer (acrilico su legno)

ODESCALCHI 2016

Cosa succederebbe se deragliasse un treno passeggeri all’interno di una galleria o nei pressi di un’impostante stazione ferroviaria e gli incidenti avvenissero in una zona di confine tra due Stati diversi?
Per rispondere a queste domande nel modo più verosimile possibile, è stata organizzata un’esercitazione congiunta tra i rispettivi sistemi di protezione civile, italiano e svizzero, ipotizzando uno scenario di emergenza transfrontaliero.
“Odescalchi 2016”, cosi è denominata l’esercitazione, verrà effettuata dal 19 al 22 giugno, e prevede due simulazioni di incidente ferroviario sul confine.
La prima riguarderà il deragliamento di un treno passeggeri proveniente dalla Svizzera e diretto a Milano, all’interno della galleria “Monte Olimpino 2”, nei pressi di Casnate, 300 metri prima dell’uscita in direzione sud, con il soccorso e l’assistenza a circa 80 figuranti. Le attività esercitative inizieranno alla mezzanotte tra sabato 18 e domenica 19 giugno.

Alle 5.00 di domenica 19, poi, verrà simulato un secondo incidente ferroviario, in territorio elvetico, presso la stazione di Chiasso, con ampi sconvolgimenti in Svizzera e una serie di ulteriori ripercussioni sul fronte italiano.  Una delle ripercussioni in Italia dell’incidente a Chiasso sarà l’innesco, intorno alle 6.30 di mattina, di un incendio boschivo in prossimità dell’imbocco nord della Galleria “Monte Olimpino 2”, che tenderà a propagarsi, lungo le linee di massima pendenza, in direzione Monte Olimpino-Sasso di Cavallasca, fino a interessare alcuni edifici.
Odescalchi 2016 è stata promossa dall’Esercito del Canton Ticino svizzero con il coinvolgimento dell’Esercito Italiano, in accordo con il Canton Ticino della Confederazione svizzera, la Prefettura di Como, Regione Lombardia e con il supporto del Dipartimento nazionale della Protezione civile.
“Obiettivo dei test – spiega il DPC – è verificare l’effettiva funzionalità delle strutture di coordinamento in emergenza, le modalità di richiesta di mutuo soccorso, il necessario flusso delle informazioni e l’interoperabilità delle squadre di soccorso italiane e svizzere attraverso la cooperazione transfrontaliera nelle attività di protezione civile, nella consapevolezza che, nel caso in cui si verifichino situazioni di emergenza che interessino direttamente o indirettamente il territorio a ridosso della fascia confinante tra la provincia di Como e il Canton Ticino, è necessario garantire una tempestiva e adeguata assistenza alle popolazioni interessate. Nello specifico, in Italia, l’esercitazione vuole mettere alla prova l’efficacia del sistema di risposta delle componenti e delle strutture operative del Servizio Nazionale della Protezione Civile sia a livello centrale che periferico. L’esercitazione avverrà sia per ‘posti di comando’, per testare la funzionalità del flusso delle informazioni e le procedure di attivazione del coordinamento, sia per ‘azioni reali’, da attuarsi sul terreno operativo”. Le attività esercitative in Italia saranno coordinate dal Centro di Coordinamento dei Soccorsi attivato dal Prefetto di Como e vedranno l’impiego delle componenti operative nella giornata di domenica 19 giugno, mentre in Svizzera le attività operative avranno una durata di quattro giorni durante i quali il Centro di Coordinamento dei Soccorsi garantirà il concorso dell’Esercito Italiano in territorio svizzero”. In questo contesto, l’Esercito Italiano testerà le modalità di cooperazione con l’omologa componente svizzera.
(fonte: DPC)

LAKE COMO SCHOOL OF ADVANCED STUDIES

PIANETI DI ALTRE STELLE: LA SCUOLA
Dal 29 maggio al 3 giugno a Villa del Grumello si terrà “Brave new worlds. Understanding the Planets of other Stars” la quarta scuola della Lake Como School.
Solo nove pianeti, quelli orbitanti attorno al sole, erano conosciuti prima del 1995 e Plutone era uno di questi. Venti anni dopo, abbiamo “perso” Plutone ma abbiamo guadagnato duemila pianeti in orbita intorno ad altre stelle: in media, ogni stella nella nostra galassia ospita almeno un compagno planetario, di conseguenza la Via Lattea è affollata da cento miliardi di pianeti! L’aspetto più rivoluzionario di questo settore è la scoperta che il sistema solare non sembra essere il paradigma nella nostra galassia ma una delle tante possibili configurazioni. Queste comprendono pianeti che completano una rivoluzione in meno di un giorno, alcuni sono freddissimi, altri sono invece così caldi che la loro superficie è fusa. Scoprire perché questi mondi sono così come sono, è una delle sfide chiave dell’astrofisica moderna: la scuola si propone di fornire una visione completa della natura dei pianeti extrasolari attraverso un approccio integrato che copre osservazioni, analisi dei dati e interpretazioni.
In occasione della scuola “Brave new worlds. Understanding the Planets of other Stars”, Lake Como School e Fondazione Alessandro Volta organizzano per la prima volta due incontri aperti al pubblico che si terranno lunedì 30 e martedì 31 maggio alle 21 presso la biblioteca comunale di Como (Ingresso gratuito, per partecipare è necessario registrarsi al sito mondinuovi.eventbrite.it).
Durante gli incontri si parlerà di cosmologia e si andrà alla scoperta di quei numerosi pianeti che non fanno parte del sistema solare ma che appartengono comunque alla nostra galassia.
Lunedì 30 maggio alle 21 si terrà la conferenza “Mondi nuovi: i pianeti di altre stelle” con Giovanna Tinetti, scienziata italiana in forze al City College di Londra. A oggi risultano conosciuti circa 2000 pianeti extrasolari (pianeti che non appartengono al sistema solare) in 1200 sistemi planetari diversi: la maggior parte dei pianeti individuati sono giganti gassosi come Giove, anche se ultimamente la frazione di pianeti simili alla terra sta notevolmente crescendo. Giovanna Tinetti racconterà di queste nuove affascinanti scoperte che preludono a un nuovo cambiamento del pensiero cosmologico.
La seconda conferenza aperta al pubblico, “Varcare ogni limite: cosmologia, arte, letteratura in Giordano Bruno”, si terrà martedì 31 maggio sempre alle 21. Durante l’incontro Nuccio Ordine, autore tra l’altro del best seller “L’utilità dell’inutile”, parlerà del pensiero cosmologico di Giordano Bruno. Con la sua concezione dell’universo infinito Bruno non spezza solo le catene della cosmologia tradizionale, ma spezza anche quelle della letteratura e della filosofia: attraversare il limite, significa distruggere tutte le vecchie gerarchie e scuotere le fondamenta del sapere.

FONDAZIONE ALESSANDRO VOLTA
La Fondazione Alessandro Volta per la promozione dell’Università, della ricerca scientifica, dell’alta formazione e della cultura nasce il 1° gennaio 2015 dalla fusione di due storiche istituzioni lariane: il Centro di cultura scientifica Alessandro Volta e UniverComo (Associazione per la promozione degli insediamenti universitari in Provincia di Como). È una realtà del tutto originale nel panorama italiano e internazionale, unisce a un’intensa attività di organizzazione di scuole, seminari e convegni scientifici una funzione di collegamento del mondo accademico e della ricerca con il tessuto culturale, economico e sociale del territorio.

LAKE COMO SCHOOL OF ADVANCED STUDIES
La “Lake Como School of advanced studies“, istituita nel 2013 da Università dell’Insubria, Università degli Studi di Milano, Università di Milano Bicocca e Università di Pavia, mira a sviluppare sinergie nell’ambito del sistema della ricerca scientifica lombardo, con l’obiettivo di realizzare attività di formazione post universitaria rivolte soprattutto ai giovani ricercatori nel campo dei sistemi complessi. L’Istituto gestisce programmi scientifici chiamati “scuole” che durano alcune settimane, workshop, conferenze e incontri che diventano un punto di incontro e di studio per ricercatori e scienziati. La Lake Como School of advanced studies è supportata da Fondazione Cariplo.

UN ‘ESPRESSO’ SPAZIALE!!!

Si chiama ISSpresso. Prende il suo nome dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), su cui sarà installata, ed è la prima macchina espresso a capsule in grado di lavorare nelle condizioni estreme dello spazio, dove i principi che regolano la fluidodinamica dei liquidi e delle miscele sono molto diversi da quelli tipici terrestri.
ISSpresso nasce da un progetto di Argotec, l’azienda ingegneristica italiana specializzata nella progettazione di sistemi aerospaziali e leader europea nella preparazione di alimenti sani e nutrienti da consumare nello spazio, e di Lavazza, lo storico brand made in Italy del caffè. Rappresenta un vero gioiello tecnologico e ingegneristico, in grado di erogare un espresso a regola d’arte in assenza di peso.
Per questo è stato selezionato dall’Agenzia Spaziale Italiana per un’opportunità di utilizzazione a bordo della ISS, nell’ambito della Manifestazione di Interesse che l’Agenzia mantiene permanentemente aperta a progetti e attività da condurre sulla Stazione Spaziale Internazionale in partenariato pubblico-privato.
Così un astronauta italiano dell’Agenzia Spaziale Europea, il capitano dell’Aeronautica Militare, Samantha Cristoforetti, impegnata nella missione Futura (la seconda di lunga durata dell’Agenzia Spaziale Italiana sulla Stazione) potrebbe essere non solo la prima donna italiana ad andare nello spazio, ma anche il primo astronauta della storia a bere in orbita un autentico espresso italiano.

IL MUSEO DEI SUONI

Il cellulare fa ancora “clic”, quando scatta una foto. La posta elettronica fa “swish”, quando manda una mail. Gli smartphone a richiesta squillano come i vecchi telefoni, con il suono che nei fumetti fa “ring ring”. Volendo, si può fare in modo che la modernissima tastiera del computer riproduca il rumore meccanico delle macchine per scrivere con i martelletti (a disposizione, per i nostalgici, anche il font da vecchio nastro consumato, con le p e le q sporche). Chi ha l’età, ricorda i toni e i sibili emessi dal modem che si collegava, o i rumoretti dei primi e rudimentali videogiochi.
Alcuni sono artificialmente tenuti in vita, da congegni elettronici che non vogliono del tutto rompere i legami con il passato. Altri sono roba da museo. Hanno avuto l’idea Jan Derksen e Daniel Chun, che ad Amburgo si occupano di design e produzione cinematografica. La passione per il modernariato spingeva finora a collezionare oggetti e arredi, nessuno si era occupato dei suoni.
Lo fa il sito CONSERVE THE SOUND, avviato nel marzo del 2013, sulla scia delle liste che su internet annunciavano: “Dieci rumori che vostro figlio non sentirà mai”. Tra questi, la cartina spiegazzata durante i viaggi in macchina (chi non ha un navigatore, ormai? ne esistono anche con il rantolo di Darth Vader in “Guerre Stellari”). Il telefono con la rotella per comporre i numeri. Il cubetto flash per le macchine fotografiche, che abbagliava e faceva gli occhi rossi. La sintonia manuale per i canali della televisione. Il registratore di cassa. Il giradischi che consentiva di impilare i vinili, finito un disco l’altro scendeva e si posizionava sotto la puntina. Il juke box. Gli americani ci mettono la loro caffettiera, quella che il caffé lo faceva colare goccia a goccia. Noi ci possiamo mettere il rumore della moka, spazzato via dalle capsule (il macinacaffè a manovella è stato invece sostituito dalle lattine sottovuoto, quando l’aria entra fa il suo bel “pfff”). Perfino l’iBook arancione della Apple, anno 1996, si accende con gran strepito, rispetto agli standard di oggi.
I curatori del museo fanno notare che la nostra epoca silenziosa è tale perchè il rumore viene delocalizzato, i server fanno un baccano infernale. E che, in certi casi, i meccanismi silenziosi comportano qualche rischio: le auto elettriche sono pericolose per il pedone distratto. C’è però un suono fastidioso e del tutto inutile, che vorremmo subito al museo, e invece tocca sentirlo spesso. Tutte le tastiere dei cellulari o dei tablet possono essere silenziate con una semplice mossa. Quindi fatelo, per favore, senza affliggere il prossimo ogni volta che decidete di mandare un sms.

Il PIL non misura tutto

Non troveremo mai un fine per la nazione, né una nostra personale soddisfazione, nel mero perseguimento del benessere economico, nell’ammassare senza fine beni terreni.
Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow-Jones, né i successi del Paese sulla base del prodotto interno lordo.
Il PIL comprende anche l’inquinamento dell’aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana.
Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.
Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia, la solidità dei nostri valori familiari o l’intelligenza del nostro dibattere.
Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro Paese.
Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta.

Robert Kennedy (dal discorso alla Kansas University, 18 marzo 1968)