Ambiente

Viaggi in Italia di una Neozelandese

“Perché noleggiare un’auto in Italia quando si può viaggiare come i locali?” si chiede Venetia Sherson. 
“Potremmo sempre fare l’autostop” dico. Il mio compagno di viaggio mi guarda. Sono passati più di 45 anni da quando uno di noi ha tenuto fuori un pollice sul lato della strada. Abbiamo perso il nostro autobus per pochi secondi e il prossimo è fra due ore. La città più vicina è a 8 km lungo una strada ripida e tortuosa, senza sentiero. Pacentro, il piccolo paese di montagna dove abbiamo posto la nostra base, è popolato principalmente da ottuagenari che non hanno bisogno di un taxi. Ma un uomo robusto con una maglietta della Juventus comprende la nostra situazione. “Ho una macchina”, dice. Il veicolo ha più ammaccature di una tavola da surf Raglan e Vittorio sembra che abbia fatto diversi round sul ring con un avversario più forte. “Sei sposata?” chiede, indicando la sua fede nuziale. Una foto di sua moglie oscilla avanti e indietro sopra il cruscotto, le sopracciglia unite in uno sguardo feroce per avvertire coloro che potessero avere la tentazione di sedurre il suo uomo. Vittorio sorride un sorriso a due denti e rifiuta i soldi della benzina.


In tram a Milano.

La scelta di viaggiare con i mezzi pubblici in Italia non è priva di sfide.
Gli autobus sono a volte in ritardo o semplicemente non partono; scioperi interrompono i viaggi dei treni; e variazioni di binario – sempre annunciati all’ultimo minuto possibile  – possono spingere la pressione sanguigna a livelli pericolosi.
C’è anche la possibilità che si finisca in una destinazione del tutto diverso da quella in cui si intendeva scendere. Sulla strada per il grazioso comune di Pescocostanzo, il nostro autobus ha fatto una breve sosta in una piazza dove era parcheggiato un altro autobus. Uno o due passeggeri sono scesi e molti sono saliti. Un’ora più tardi, l’autobus si ferma in una città industriale triste, varie miglia dalla mia destinazione prevista. “Avresti dovuto cambiare autobus prima sulla piazza”, ha detto l’autista. Chi lo sapeva?
Ma vi sono vantaggi.
Gli autobus sono sempre pieni di donne cariche di cesti e pettegolezzi, uomini con i fiori per visitare le tombe delle loro mamme, e, inevitabilmente, una donna in minigonna che sta chiacchierando con l’autista sotto il cartello che dice, “Non parlare al conducente, MENTRE l’autobus e in movimento “.
Quando si sale a bordo di un treno o di autobus italiano, si firma automaticamente un accordo per parlare. Nuovi passeggeri inevitabilmente siedono accanto a te, anche su un bus vuoto. Essi vi chiedono di dove siete e perché siete in Italia. Poi parlano di se stessi. Su un autobus per L’Aquila, mi sono seduta accanto a una donna che lavorava in un call center SkySport. Nel corso del viaggio di 90 minuti mi ha raccontato la storia della sua vita. Ha viaggiato più di 100 km ogni giorno per andare al lavoro. In una buona giornata ha guadagnato € 50 ($ 76), ma i suoi spostamenti potrebbero essere modificati senza preavviso. Qualche settimana lei non ha guadagnato abbastanza per pagare il conto della spesa. La società aveva fatto dei tagli, ma sperava che sarebbe sopravvissuta. “Amo il mio lavoro.”
Su un altro viaggio, una giovane donna ha detto che stava andando dal parrucchiere. Mi ha svelato il colore di capelli che stava scegliendo,  e che colore avrebbe potuto scegliere la settimana successiva. Mi ha invitato a casa sua per un caffè.
In treno lungo il Lago di Como

Perché un turista dovrebbe rinunciare a tali incontri per la compagnia di un navigatore satellitare?
Autobus e treni sono anche a buon mercato in Italia.
Dal 1950, la ferrovia ha lottato per competere con la strada, ma i numeri di merci e passeggeri sono diminuiti. Il debito di Trenitalia è ora di € 6.000.000.000 ($ 9.100.000.000). I prezzi dei biglietti sono stati ridotti per cercare di arginare la marea – più di 100.000 posti di lavoro dipendono da questo – ma con scarso effetto. Gli Italiani ancora preferiscono mettere in valigia se stessi in una Fiat piccola o grande, pagare i pedaggi stradali e rischiare la vita sulle strade.
Eppure i piccoli treni che collegano i villaggi in tutta Italia offrono panorami mai avvistati dai viaggiatori stradali: cortili dove le famiglie cenano sotto tettoie di foglie, frutta e verdura che coprono ogni palmo di terreno e anche un asino legato al portico curato nei minimi dettagli. Meno bucolico, ma altrettanto avvincente è il graffito che da solo vale il prezzo di un biglietto ferroviario. In un viaggio, si può imparare che i politici sono corrotti (la maggior parte), chi è il giocatore di calcio che fa la bella vita (Balotelli) e chi ama Chiara (tutti, è un nome popolare). “I turisti sono peggio di un esercito di occupazione”, è scarabocchiato sul marciapiede di una rinomata località balneare dell’Adriatico.
C’è uno svantaggio ad utilizzare i mezzi pubblici in Italia: il famigerato sistema di convalida.
Sugli autobus, è in gran parte semplice: si imprime il biglietto si sale a bordo. Ma sui treni il sistema di stampaggio è più complicato. Macchinette di convalida – piccole scatole gialle – sono spesso difficili da individuare. Questo potrebbe essere un astuto piano degli italiani per aumentare le entrate, perché il biglietto non convalidato comporta una multa immediata pari a 50 €.
Una volta ho visto un ispettore esigere da una madre e tre figlie adolescenti € 50 ciascuno sul Leonardo da Vinci Express per l’aeroporto di Roma Fiumicino – un sistema molto più redditizio di una tassa d’imbarco-. I capotreni sono spietati e inflessibili. Gli impieghi ferroviari sono visti come posti di lavoro per la vita e sono ben pagati. Gli ispettori prendono sul serio i loro doveri. Se non è possibile pagare la multa, è necessario scendere alla stazione successiva. Difficile se c’è un volo internazionale alla fine del tuo viaggio.
Ho avuto un incontro ravvicinato con un capotreno al mio ritorno da Roma a Firenze qualche anno fa. Avevo completato un volo di 30 ore da Auckland ed ero esaurita. Inoltre avevo una macchia di pomodoro sulla mia maglietta per essermi addormentata con la mia pasta sul volo. Quando il capotreno ha chiesto il mio biglietto… cielo… non era convalidato! Ha scrutato la mia faccia da pensionata. Ho detto “mi dispiace” più volte. Forse gli ho ricordato sua nonna. Si è accigliato, ha preso il biglietto lo ha forato due volte per buona misura. Poi è andato avanti.

NZ Herald

L’ANNO VECCHIO

L’Italia campione del mondo di calcio, Enrico Letta premier per tutto il 2014, addirittura la terza guerra mondiale a febbraio: a quanto pare, quando veggenti e astrologi interrogano il futuro, questo non sempre risponde…
Come ogni anno il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) ha raccolto e verificato le previsioni fatte dai più noti astrologi e veggenti italiani sull’anno appena trascorso. «È dalla sua fondazione nel 1989 che il CICAP compie ogni anno queste verifiche» dice Massimo Polidoro, psicologo e scrittore, segretario del Comitato. «In genere nessuno va davvero a controllare se le previsioni si sono avverate o no, e le capacità di astrologi e veggenti non sono mai messe alla prova. Anzi, dato che sbagliare proprio su tutto è quasi impossibile, basta pubblicizzare opportunamente poche previsioni azzeccate, magari per pura fortuna, per crearsi una reputazione. Con il nostro controllo di fine anno cerchiamo di rimettere le cose nella giusta prospettiva: l’astrologia non serve a predire il futuro.»

Politica
Quest’anno gli astrologi si sono sbilanciati più del solito sulla vita politica italiana, complice forse la situazione più fluida derivata dall’uscita di scena di Berlusconi. In generale il parere degli astrologi era favorevole a Enrico Letta e al suo governo: l’astrologo Perfetti aveva previsto che Letta sarebbe restato in sella, «la buona riuscita sarà assicurata»; per Grazia Mirti «Enrico Letta premier potrebbe durare fino all’autunno. Matteo Renzi … secondo me non riuscirà ad arrivare dove lui desidera». Per il Divino Otelma (che parla sempre al plurale) «il governo correrà notevoli rischi da qui ad aprile, ma non crediamo che possa cadere nel 2014», mentre Maddalena Magliano prevedeva «una crescita più lineare … per il premier Enrico Letta e Pippo Civati». Renzi in realtà ha sostituito Letta alla guida del governo a febbraio; pur senza specificare la data, l’evento era stato effettivamente previsto dalla veggente bulgara Teodora Stefanova. Che però aveva anche previsto, sbagliando, la fuoriuscita del presidente Napolitano, un nuovo partito per Maroni, un presidente del consiglio donna, l’entrata in politica di Marina Berlusconi (prevista anche dall’astrologa Sirio) e molto altro… Di nuovo il Divino Otelma, per le elezioni amministrative di maggio, indicava un distacco massimo del 5% tra PD e M5S ma il divario è stato del 19.7%, più del triplo; anche la prevista «vittoria clamorosa di Grillo» non è stata tale. Una previsione di ampio respiro di Caterina Galloni, su Blitz quotidiano, su Mario Monti: «nel 2013 gode di ottimi appoggi astrali e non è prevista un’uscita di scena o un offuscamento della sua immagine … ma al contrario continuerà a essere al centro della scena con un ruolo di tutto rispetto. In attesa, nel 2014, della Presidenza all’Unione Europea»; il ruolo di Monti è stato invece pesantemente ridimensionato da una sonora sconfitta elettorale. Per Barbara Ciolli, su Lettera 43, il 2014 sarebbe stato un anno fortunato anche per il presidente americano Obama. In particolare, grazie a un brutto Saturno che si è allontanato e a un Urano particolarmente creativo, dalla primavera avrebbe avuto «delle belle opportunità per emergere». In realtà le elezioni di midterm a ottobre sono andate proprio male per Obama, alla faccia del «cielo sgombro da strali negativi». L’astrologo Giuseppe Al Rami Galeota aveva previsto che la salute di Papa Francesco sarebbe stata compromessa nel corso del 2014, e il Papa avrebbe anche potuto abdicare come il suo predecessore. Jorge Bergoglio è ancora alla guida della Chiesa Cattolica e gode, per quello che ne sappiamo, di buona salute. Hanno per fortuna sbagliato anche i “famosi astrologi russi” che nel 2011 previdero la terza guerra mondiale in prossimità dei Giochi Olimpici invernali di Sochi, a febbraio.

Sport e spettacolo
Il Divino Otelma aveva previsto Francesco Renga come vincitore del Festival di Sanremo 2014; il sito Di che segno sei invece prevedeva la vittoria per uno dei segni d’acqua (Cancro, Scorpione e Pesci). Alla fine ha vinto Arisa (del Leone), e Renga si è classificato soltanto quarto. L’astrologo Perfetti ha previsto per la conduttrice televisiva Veronica Maya un anno «positivo», ma è andata diversamente: congedata con un mese d’anticipo da Verdetto Finale, dopo i tagli e i bassi ascolti per Casa dolce Casa è stata infine esclusa dal programma RAI Linea Bianca. Tra le previsioni calcistiche la prolifica Teodora Stefanova, che ottiene le sue informazioni da Unilsan, un’entità aliena del pianeta Vanfim, aveva previsto un «grande cambiamento» per Conte e la partenza di Quagliarella dalla Juventus (giusto, ma forse facile) ma anche l’arrivo di Nani e Ibrahimovic e la partenza di Hamsik dal Napoli e di El Shaarawy dal Milan (sbagliato). La redazione sportiva di Donne sul Web afferma di aver usato l’«algoritmo al-Khwarizmi» per prevedere la classifica finale del campionato di calcio di serie A. Ora, al-Khwarizmi era un importante matematico arabo del IX secolo, dal cui nome deriva proprio la parola “algoritmo”, e a quanto ne sappiamo non si è mai occupato di previsioni sportive; quindi chissà che sistema hanno usato per prevedere Napoli, Juventus, Milan, Fiorentina, Roma in quest’ordine in testa alla classifica. Per la cronaca, il campionato è stato vinto dalla Juventus, seguita da Roma, Napoli, Fiorentina e Inter. Rimanendo sul calcio italiano, per Riccardo Sorrentino il 2014 sarebbe stato «l’anno di Benitez», l’allenatore del Napoli; una frase interpretabile in molti modi, ma il terzo posto nella stagione 2013–14 e l’attuale posizione in classifica non sono memorabili. Passando ai Campionati Mondiali di calcio, Grazia Mirti ha sfoderato un vecchio classico degli astrologi, la previsione generica che va bene quasi in ogni caso: «saranno senza infamia e senza lode». Come molti ricorderanno, l’Italia è uscita al primo turno dopo aver giocato piuttosto male. Lasciando da parte l’astrologia, il sito sport.leonardo.it nota che dopo le ultime due elezioni di un Pontefice, l’Italia ha poi vinto il successivo Campionato del Mondo, con una serie di coincidenze suggestive: «nell’ottobre del 1978 viene eletto Papa Giovanni Paolo II, polacco. Nel Mondiale successivo, Spagna 1982, la nazionale dell’Italia affronta in semifinale la Polonia (nazione di Woytila) e vince per 2–0. In finale sfida la Germania Ovest e trionfa proclamandosi campione del mondo per la terza volta. Nell’aprile 2005 il nuovo Papa è Benedetto XVI, guarda caso tedesco. Nel Mondiale successivo, in semifinale, la squadra guidata di Lippi sfida i padroni di casa della Germania (nazione di Ratzinger) e vince sempre con lo stesso punteggio, 2–0. In finale gli azzurri battono la Francia e alzano al cielo la quarta Coppa del Mondo della storia». Di conseguenza, la previsione per il mondiale del Brasile nel 2014 l’Italia avrebbe affrontato in semifinale l’Argentina (nazione di José Mario Bergoglio) vincendo 2–0 per poi laurearsi campione del mondo per la quinta volta. Come abbiamo visto sopra, è andata diversamente.

LA TERRA IN DIRETTA DALLO SPAZIO IN HD

Si chiama “High Definition Earth Viewing” ed è composto da 4 videocamere montate sulle strutture esterne della Stazione Spaziale Internazionale che riprendono continuamente la Terra, in alta definizione, trasmettendo in diretta le immagini sul web attraverso la piattaforma Ustream.
Al progetto hanno partecipato anche gli studenti delle scuole americane che, in collaborazione con la Nasa, hanno progettato alcuni dispositivi utilizzati nell’esperimento. Cosa curiosa è che le videocamere non sono particolarmente sofisticate ma normali modelli in commercio e sono montate sul modulo europeo Columbus, protette da un involucro che controlla pressione e temperatura: l’esperimento permetterà di studiare come si comportano strumenti di questo tipo per future missioni spaziali.
Per vedere le immagini in diretta collegatevi a: www.ustream.tv/channel/iss-hde
Se vedete tutto buio non preoccupatevi: la ISS potrebbe essere dalla parte della Terra non illuminata!
La ISS compie circa 16 orbite al giorno…quindi regolatevi!

1° NOVEMBRE… CAPODANNO

La data del 31 ottobre coincide con la festa di Halloween, ovvero Samhain, il Capodanno celtico e la vigilia della solennità di Ognissanti. Perchè tutte queste ricorrenze in una sola data?
Secondo la tradizione dei Celti (4°-3° sec. A.C.), un giorno finiva e quello successivo iniziava al calar della sera e non, come per noi succede, nel momento più buio della notte; quindi si potrebbe dire che al nostro 31 ottobre si sovrappone il 1° novembre. Nella stessa maniera le usanze stabilivano che l’anno terminasse dopo il raccolto e quando erano cadute le foglie e non con il solstizio d’inverno. Samhain, significa “la fine dell’estate”, momento in cui il ciclo vegetativo si chiude, per questo motivo coincide con la “festa della morte”. Fascino e mistero di vita.
Dunque il 1° novembre segna la fine di un anno agricolo e l’inizio dell’altro. Finita la stagione dei frutti, la terra che ha accolto i semi del frumento destinati a rinascere a primavera, entra nel periodo del letargo. Questo periodo di passaggio per le terre abitate dai Celti (Europa occidentale e Asia Minore) era il Capo d’anno. E le leggende raccontano di come in questi giorni i morti entrassero in comunicazione con i vivi in un generale rimescolamento cosmico.
Per cristianizzare tale festività, l’Episcopato franco istituì al 1° di novembre la festa di Ognissanti alla cui diffusione contribuì particolarmente Arcuino, l’autorevole consigliere di Carlo Magno. Ma già dalla seconda metà del II secolo in Oriente e del III secolo in Occidente, la Chiesa festeggiava ogni anno l’anniversario del “Dies Natalis” di ogni martire, ossia il giorno della sua rinascita al cielo, che coincideva con il giorno della sua morte terrena. E con il IV secolo in tante regioni, i Vescovi iniziarono ad onorare coloro che, pur essendo stati martirizzati, avevano dimostrato nella loro vita di essere testimoni del Cristo, ossia “confessori”. Questo termine, inizialmente applicato ai cristiani torturati per la loro fede e sfuggiti alla condanna, venne sostituito nel Medio Evo dalla parola santo, il “Sanctus” latino che voleva dire sacro, degno di rispetto religioso.
Il 1° novembre ha dunque cristianizzato il capodanno celtico, senza contraddirne lo spirito perché, se si paragonano i santi ai chicchi di grano, scesi nella stagione autunnale nella terra per rinascere come piante in primavera, si possono comprendere maggiormente le parole del Signore agli apostoli: “In verità vi dico: se il chicco di grano caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto”.
E allora tutto questo ci porta ad affermare che novembre non è un mese triste.
Non è il mese degli scheletri e dei fantasmi.
E’ vero, le foglie che cadono, gli alberi spogli, il panorama malinconico, il pensiero dei defunti, invitano al raccoglimento e alla meditazione che tutto finisce.
Ma, dopo un meritato periodo di riposo, la terra comincia a rifiorire e con essa la vita, la gioia.
Mi viene da rovesciare il detto: Vita nuova…Anno nuovo, non zucche vuote e metteteci pure qualche dolcetto, ma senza scherzi.

LA CINA E’ VICINA!

Nei nostri boschi, un albero su cinque è un castagno.
Un rapporto spinto dai nostri avi che li coltivavano.
Il castagno procurava legna da ardere e per costruire, fogliame per il giaciglio degli animali, tannini per la concia delle pelli e, non da ultimo, le castagne.
Il suo ruolo nell’economia contadina fu così importante da aggiudicarsi il nome di «albero della vita» o «albero del pane».
Raggiunge l’apice della sua carriera attorno ai cento anni e può fornire circa 150 chili di castagne, un tempo pari al consumo annuo di una persona. Una parte del raccolto era usata fresca, bollita o bruciacchiata sul fuoco. Le prime mattine di freddo, nuvole di fumo si alzavano dalle casupole in sasso e tutti si affrettavano a portare le castagne a essiccare nelle ca’del fooc, delle piccole cascine in sasso, dove le castagne asciugavano al calore moderato e costante del fuoco per tre settimane. I frutti secchi si conservavano per mesi e con la farina si preparavano pane, focacce e qualche torta, il frutto intero era bollito e inzuppato nel latte.
Ora la vita dell’albero che ha contribuito a sfamare generazioni di contadini, è seriamente minacciata da un parassita, il cinipide del castagno, importato accidentalmente nel 2002 dalla Cina…(ma che bella la globalizzazione!!!).

ZUCCHE PER…BERE!

E’ ormai tempo di zucche…anche nei nostri campi appena fuori città, incontri questi frutti della terra dai colori e dalle forme più varie.

Così chiamata per via della sua forma molto simile a una bottiglia, una varietà particolare è la zucca  a fiasco.
Il frutto  lo si ritrova in questa stagione anche nei negozi, pur essendo la sua polpa meno saporita di quella della zucca classica. Quello che non sapevo era fino a che punto, un secolo fa, il frutto fosse legato al periodo della vendemmia.
Quando la bella forma prometteva una capienza da uno a tre litri, la zucca a fiasco era appesa in casa, sotto la cappa del camino, e lì abbandonata per tutto l’inverno. Dopo la lunga e lenta essicazione del periodo invernale, il frutto era pronto per essere lavorato: reciso il gambo, si praticava un piccolo foro dal quale si facevano fuoriuscire i semi, dopodiché se ne ripuliva scrupolosamente l’interno agitandovi a lungo e con energia una manciata di pallini da caccia. A operazione ultimata, la zucca finiva in ammollo nei tini dove, grazie al fermentare del mosto, perdeva il suo sapore in favore di un aroma ben più gradevole. Una volta applicato un turacciolo e una corda, la zucca da vino era pronta per essere riempita e portata tra i filari durante la vendemmia.

GIOCARE…ALL’OMBRA!!!

Quando fuori è troppo caldo e il sole picchia duro, cerco un locale fresco e mi do al sudoku.
Adoro questo giochetto: mi intriga la passione per tutto quello che suona un po’ folle come «il problema dei 36 ufficiali» del grande matematico svizzero Leonardo Eulero, considerato tra i padri, appunto, del sudoku.
Gli antenati della griglia che ha letteralmente spopolato negli ultimi anni, sono gli antichi quadrati magici.
La leggenda sulle loro origini narra di un pescatore che trovò sulla riva di un fiume una tartaruga sul cui dorso erano incisi dei segni geometrici; portata a corte la bestiola, i matematici del re interpretarono quei segni come un quadrato di numeri con somma costante 15 su ogni riga, colonna e diagonale. Uno schema di 9 numeri che venne battezzato Lo Shu.
Sì ma gli ufficiali? Dirà qualcuno. I graduati avanzano e chiedono al loro comandante: «è possibile disporre su un piazzale quadrato: 36 ufficiali, provenienti da 6 diversi reggimenti e aventi, in ognuno di essi, 6 gradi militari differenti, in 6 righe e in 6 colonne di 6 ufficiali ciascuna, in modo tale che in ogni riga e in ogni colonna ci sia un ufficiale di ogni reggimento e di ogni grado?»
Se il caldo continua e non vi permette di stare all’aria aperta, nel pomeggio pieno di sole, provate a risolverlo!

COTTURA A …SOLE!!!

Abbronzano e cuociono pure a puntino.
I raggi del sole sono una fonte d’ energia pronta per l’ uso non solo per il corpo ma anche per il palato e non mi rifersco alle temperature che raggiungono in estate i cofani delle auto; piuttosto ai forni solari che permettono di preparare piatti golosi sfruttando, come suggerisce il nome stesso, il calore del sole.
I sistemi per cucinare in questo modo sono sostanzialmente due: il primo fa capo a uno specchio parabolico che, concentrando la luce nel punto dove è posta la pentola, riesce a toccare i 200 gradi (roba che nelle migliori condizioni si può cuocere del riso per otto persone in una mezzoretta); il secondo, invece, sfrutta il calore che si genera in una scatola – costruita con diversi materiali come cartone e alluminio – quando resta esposta alla luce del Sole.
Una delle più famose in questo senso è il Kyoto box, invenzione con la quale Jon Bohmer vinse nel 2009 il primo premio del Financial Times Climate Change Challenge.
In ambo i casi, la natura presenta il suo conto: se la cottura con la parabolica vi chiede di spostare ogni venti minuti la vostra pentola, per quella in scatola ci può volere anche un’intera giornata perché i cibi siano pronti, ma che importa? Si ha il tempo per fare altro senza la paura che qualcosa bruci, no?!
LAURA MELLA

Troppe ricorrenze nei calendari!

Aiuto, mi si è ristretto il calendario!
A colpi di giornate nazionali, internazionali, mondiali o comunque speciali i Santi hanno dovuto sloggiare per lasciare posto a date e ricorrenze di ogni tipo. Forse, però, ci si è lasciati prendere un po’ troppo la mano, visto che il 21% dei giorni disponibili in un anno se li è già accaparrati l’Onu e – aggiungendo le ricorrenze istituite e promosse dall’Unesco – si arriva ad un totale monstre di 187! Come dire che metà degli appuntamenti quotidiani è già occupato per la sensibilizzazione nei confronti di “qualcosa” di interesse internazionale.
Se poi si aggiungono le giornate nazionale, quelle comunque speciali perchè indette da Ong, associazioni e fondazioni varie il totale supera le 400 ricorrenze. Più dei giorni a disposizione, al punto che sullo stesso foglietto del calendario capita che due giornate speciali siano costrette alla coabitazione. E a volte con effetti controproducenti, se non esilaranti.
Il 15 aprile, ad esempio, è il “giorno del silenzio”, ma anche quello del “dialogo”. Peccato che non sia anche quello dei sordi (28 settembre), così il circolo era chiuso. Insomma, l’inflazione di appuntamenti è tale che ora la stessa Unesco ha intenzione di chiedere una “moratoria”, contingentarne il numero. Anche perchè, se tutte le giornate dell’anno sono “speciali”, finisce che nessuna alla fine lo è.
Non solo. Gli appuntamenti con la sensibilizzazione, la commemorazione o il ricordo cominciano ad essere sovraffollati non solo per i giorni, ma anche per gli anni. Anni “speciali” naturalmente. Così è già capitato, come nel 2008, che la stessa annata fosse dedicata contemporanemante a tre diversi eventi internazionali: l’anno della patata, quello dell’igiene e delle lingue. E anche questo 2013 è già sold out, visto che oltre ad essere anno internazionale della cooperazione nel settore idrico, l’Onu ha visto bene di dedicarlo anche alla pianta “quinoa”, un cereale originario delle Ande. Ci sarà sicuramente una nobile intenzione, ma non ci si chiede neanche più quale possa essere.
E l’effetto è moltiplicatore, perché non c’è organizzazione internazionale o Sato sovrano che rinunci, ogni anno, a varare qualche giornata speciale ad hoc. E persino il Vaticano si dimostra prolifico in materia, sponsorizzando per esempio la giornata mondiale delle vocazioni, ma anche quella dei cresimandi e cresimati, la giornata mondiale delle Confraternite e della Pietà popolare, quella mondiale della gioventù – che Papa Francesco estenderà in Brasile dal 22 al 28 luglio.
Il guaio, però, come dicevamo, è che a furia di segnare qualcosa tutti i giorni sul calendario, alla fine non lo noti neanche più. Diventano giornate mitridatizzato: il “veleno” non gli fa più nessuno effetto. Soprattutto se certe ricorrenze sfiorano il ridicolo. Passi, ad esempio, che la categoria professionale degli ingegneri si sia ritagliata la sua giornata con l’Engineer’s Day del 15 settembre, ed è forse giusto che l’arte figlia di un dio minore, la poesia, abbia la sua ricorrenza mondiale il 21 marzo, ma perchè deve dividersela con la giornata mondiale della sindrome Down? E soprattutto, giornate così, “valgono” come il 4 maggio dedicato alla saga di Guerre Stellari o il primo novembre (tra l’altro già ad appannaggio di Ognissanti) votato ai vegani di tutto il mondo? E le bizzarrie sembrano internimabili, visto che c’è la giornata degli Ufo, del gatto, dell’aquilone, il Malala day e il giorno dell’amicizia del 5 agosto.
E in un crescendo di “giornate speciali” passano completamente inosservate delle date che richiederebbero sì la sensibilizzazione generale. Il 6 febbraio, ad esempio, è la giornata internazionale contro l’infibulazione, la mutilazione genitale femminile. Ma se lo son scordata tutti.

EZIO ROCCHI BALBI

ALPINISMO DA…POLTRONA

Se siete appassionati di montagna, dovete sapere che Google ha incaricato i suoi operatori di arricchire le immagini di Google Maps con le immagini delle montagne più alte del mondo.
Tra le vette fotografate l’Everest, sulla catena dell’Himalaya; il Kilimanjaro, in Africa; il Monte Elbrus, in Russia; e l’Aconcagua, nelle Ande argentine. Queste montagne appartengono al gruppo di cime conosciute come le Seven Summits, le montagne più alte dei sette continenti.
Grazie a Google Maps ora potrete godere del panorama di queste vette, senza correre alcun rischio. E’ possibile così percorrere virtualmente i sentieri delle vette più alte del mondo. Il progetto di Google è stato coordinato da Dan Fredinburg, programmatore e appassionato di alpinismo.
Google usa diversi dispositivi per scattare le immagini di Google Maps: carretti, tricicli e gatti delle nevi. Ma in questo caso, il metodo “tradizionale” non era possibile e Fredinburg ha semplicemente scelto una macchina fotografica digitale e un obiettivo fisheye. Le mappe dedicate alle principali vette del mondo sono state raccolte sul
blog ufficiale di Google.

TAPPARE LE BUCHE CON UN “APP”

CHE BELLEZZA, una app del Politecnico ci salverà. Se uno ci crede, beato lui.
Le strade sono piene di buche ma niente paura, perché presto succederà qualcosa di bello.
Cioè che saranno finalmente chiuse? Ma no, non è questa la bella notizia, la notizia del giorno è che se ci infilate dentro un piede potrete aprire un’apposita app per scaricarci dentro la vostra rabbia e la richiesta di chiuderla subito.
Cosa succederà dopo, sarà tutto da vedere.
Intanto bisogna spiegarlo a tutti, perché mica tutti sono tenuti a sapere cos’è una app ed ad avere il telefonino adatto. Dubito che l’anziana signora sostenuta dalla pensione minima sia dotata di smartphone. Ma ipotizziamo pure che la copertura di mezzi sia totale. Cosa accadrà appena sarà dato il via libera alle segnalazioni?
ACCADRÀ che queste saranno una valanga perché sono una valanga le buche e gli intoppi vari.
A questo punto ne conseguirà una valanga di immediati interventi correttivi? Forse qualche assessore ottimista penserà di sì, io penso di no. Per un semplicissimo motivo. Se si volessero chiudere tutte le buche già conosciute si potrebbe fare già ora. Se i competenti uffici non lo sanno già che certe strade sono una gruviera allora, mi chiedo, cosa ci stanno a fare? Intanto potrebbero provvedere su ciò che non possono non sapere, anche perché segnalato ripetutamente dalla gente e sui giornali. Se non lo sanno significa che non vogliono saperlo. Se davvero qualche assessore crede che per sistemare al volo strade e marciapiedi basti una app mi cadono le braccia. Non credo che sindaco e assessori non vedano ogni giorno il cattivo stato delle strade e dei marciapiedi, sennò significa che camminano con la testa fra le nuvole. Temo invece che lanciare una app sia un sistema buono per far qualche titolo sui giornali, darsi un tono di modernismo tecnologico e poco più. Quando si vuole prendere tempo davanti ad un problema, in Italia si istituisce una commissione d’inchiesta. Adesso ci sono le app: approfittiamone.